Vai a sottomenu e altri contenuti

Lo spettacolo 'Vergine Madre' di Lucilla Giagnoni in scena nello splendido scenario del sito archeologico S'Ortali e Su Monte

Data evento: 22/08/2019 Luogo: S'Ortali e Su Monte Categoria: Arte e spettacolo
Lo spettacolo 'Vergine Madre' di Lucilla Giagnoni in scena nello splendido scenario del sito archeologico S'Ortali e Su Monte

A due passi dallo splendido lido di Orrì, nella suggestiva cornice del sito archeologico S'Ortali e su Monte, andrà in scena martedì 27 agosto, alle ore 20, in seno all'XI nurarcheofestival de Il crogiuolo, lo spettacolo ''Vergine madre'', di e con Lucilla Giagnoni. Collaborazione ai testi Marta Pastorino, musiche originali Paolo Pizzimenti, una produzione Fondazione TPE.

Lo spettacolo è andato in onda su Rai Due Palcoscenico, ha ricevuto il Premio Persefone 2007 alla drammaturgia.

Lo spettacolo sarà preceduto alle 18.30 da una visita guidata a cura della cooperativa Irei.

Per maggiori info ArcheOgliastra

TESTO

''Ad un certo punto la vernicetta patinata che ci ricopre, salta.

Si scrostano ad una ad una le certezze: lavoro, futuro, democrazia. Gente che diventa sempre più ricca. Poveri , tanti poveri. Ignoranza.

Esaurite tutte le considerazioni possibili, qualcuno ha anche manifestato apertamente, si è combattuto perché non fosse così. Ma così è stato. C'è la guerra, lo scannamento, il terrore e poi l'angoscia sottile e quotidiana. Si uccidono i bambini.

Qualcuno ricorda che in fondo la fine del mondo c'è già stata, per qualcuno invece sono i segni di un'apocalisse prossima ventura.

Forse non resta che pregare.

Sei canti della Divina Commedia, probabilmente i più noti. Sei tappe di un pellegrinaggio nel mezzo del cammin di nostra vita: Il viaggio (Il primo canto dell'inferno), La Donna (Francesca il V), l'Uomo (Ulisse, il XXVI), il Padre (Ugolino il XXXIII), la Bambina (Piccarda il III del Paradiso), la Madre (Vergine madre il XXXIII del paradiso).

E' la Commedia Umana di Dante, una strada che si rivela costeggiata da figure ''parentali'': Quello che si compone, guarda caso, è il disegno di una famiglia.

I canti non vengono spiegati, per quanto, ad essere sinceri, in gran parte siano incomprensibili all'ascolto.

Ma sono anche parole incantatorie, quelle della Divina Commedia, parole taumaturgiche, rituali.

Eternamente ripetute come le preghiere.

Dalla lettura dei canti scaturiscono storie.

Il lato oscuro di Ulisse, l'aspetto meraviglioso e terribile del padre, la santità dei bambini, la lussuria di tutte le donne, la grandezza della madre... un percorso ricco, sorprendente e, soprattutto, confortante. Come la preghiera.

La poesia e l'arte sono una tregua per gli affanni degli uomini.

Per questo ho pensato che questo lavoro fosse destinato soprattutto alle chiese.

A cantare e raccontare storie è una donna.

Perché più spesso sono le donne a pronunciare, senza mediazioni, il desiderio di pace. Sherazade si salva raccontando. E perché sicuramente l'anima ha una voce femminile.''

La preghiera

Da piccola sognavo di diventare santa. Ma non santa martire, che il martirio di fatto non mi convinceva del tutto, semplicemente santa.

Non sono diventata santa: ho fatto l'attrice.

Per diventare santi bisogna pregare.

Però raccontare storie è un po' come pregare.

Come ci insegna Italo Calvino ne ''Le città invisibili'' è cercare in mezzo all'inferno ciò che non è inferno e farlo durare, e dargli spazio.

O come ci racconta Daniel Pennac in ''Come un romanzo'':

''…la storia letta ogni sera assolveva la più bella funzione della preghiera, la più disinteressata, la meno speculativa, e che concerne solamente gli uomini:il perdono delle offese. Non confessavamo nessun peccato, non cercavamo di conquistarci nessuna fetta di eternità, era un momento di comunione, tra noi, l'assoluzione del testo, un ritorno all'unico paradiso che valga: l'intimità. Senza saperlo, scoprivamo una delle funzioni essenziali del racconto e più in generale dell'arte, che è quella di imporre una tregua alla lotta degli uomini.

L'amore ne usciva rinato.

Era gratis.''

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto