Sito istituzionale Comune di Tortolì Comune di Tortoli Comune di Tortoli

Dettaglio notizia

Raccolta funghi, operativo lo sportello dell'ispettorato micologico a Tortoĺ
 
Notizia del 18/10/2016
 
Raccolta funghi, operativo lo sportello dell'ispettorato micologico a Tortoĺ
 
 

Tortolì, 18 ottobre 2016. L'Asl Lanusei informa che  l’Ispettorato micologico, del Servizio Igiene degli Alimenti e Nutrizione della Asl, ha aperto i suoi sportelli mettendo a disposizione gli esperti aziendali per consigli e informazioni per l’identificazione e il controllo delle specie fungine. Questa è la stagione della raccolta dei prelibati funghi, ma il rischio di incorrere in una intossicazione è elevato se non li si conoscono adeguatamente e se non si adottano le giuste cautele.

 

Tortolì lo sportello è attivo  presso il Servizio Igiene Pubblica – via Mons Virgilio  il Lunedì, mercoledì dalle ore 15,00 alle ore 17,00. La prestazione è gratuita con accesso libero.

 

Alcune buone norme:
- assicurarsi che il fungo appartenga ad una specie commestibile: il consumo di funghi presuppone la conoscenza degli stessi, per via diretta o per via indiretta (per mezzo dei Micologi dell'Azienda Sanitaria);
- un fungo è commestibile o tossico per sua intrinseca natura, non esiste un metodo empirico per accertarne la commestibilità;
- assicurarsi che i funghi provengano da zone non inquinate (evitare aree urbane, industriali, sottoposte a trattamenti antiparassitari, zone in prossimità di strade di traffico);
- utilizzare soltanto funghi raccolti nelle 48 ore e conservati a bassa temperatura (un fungo commestibile invecchiando può diventare tossico);
- consumare funghi solo se  in perfetto stato di conservazione;
- non dimenticare che i funghi commestibili è preferibile consumarli ben cotti;
- sbollentare i funghi prima del congelamento e consumarli entro 6 mesi;
- nei funghi sottolio si può sviluppare la tossina botulinica;
- non somministrare funghi a bambini, donne in gravidanza e persone affette da malattie del fegato e del rene;
- non consumare funghi in quantità abbondanti e in pasti ravvicinati (non più di 5 grammi di fungo fresco per chilogrammo di peso corporeo, comunque non più di 250 grammi di funghi freschi o 25 grammi di funghi secchi alla settimana);
- è bene ricordare che i funghi vanno raccolti interi, conservando il gambo od altri caratteri importanti in modo da mantenere gli elementi utili al riconoscimento e trasportati in modo da mantenerli quanto più possibile integri;
- in caso di insorgenza di disturbi dopo il consumo dei funghi: recarsi immediatamente all'ospedale consegnando al personale sanitario eventuali avanzi del pasto o resti dei funghi consumati.

Se  dopo l'ingestione di funghi insorgono disturbi:
- recarsi immediatamente al Pronto Soccorso (non esiste un antidoto in grado di neutralizzare le tossine mortali dei funghi, ma è necessario allontanarle dall'organismo il prima possibile);
- portare con se tutti gli avanzi dei funghi (cotti, crudi, resti di pulizia);
- se altre persone hanno consumato gli stessi funghi, contattarle immediatamente per farle recare al Pronto Soccorso;
- non tentare di curarsi da soli (il latte non è un antidoto).

I funghi  da sottoporre alla visita presso lo sportello dell’ Ispettorato Micologico devono essere:
- freschi (non congelati o scongelati, non essicati, non diversamente conservati);
- interi (non recisi o tagliati, non spezzettati, non lavati, non raschiati o comunque privi di parti essenziali al riconoscimento);
- sani ed in buono stato di conservazione (non tarlati, ammuffiti, fermentati, fradici, eccessivamente maturi);
- puliti da terriccio, foglie e/o altri corpi estranei;
- provenienti da aree non sospette di esposizione a fonti di inquinamento chimico o microbiologico (discariche di rifiuti, vicinanze di strade ad intenso traffico veicolare, forni inceneritori, colture trattate con antiparassitari, etc.)
- all'esame di commestibilità dev'essere sottoposto l'intero quantitativo raccolto, e nel più breve tempo possibile;
- portare l’intero quantitativo raccolto perché il solo "campione"  non serve (l’intero quantitativo lasciato a casa può contenere anche un solo pezzo di fungo di specie velenoso o mortale);
- i funghi devono essere presentati alla visita in contenitori rigidi e forati (cestini od analoghi contenitori);
- si consiglia di separare opportunamente le diverse specie fungine raccolte.